«Prošek evoca Prosecco»: la riforma delle Ig europee condanna un vino storico della Croazia?

«Prošek evoca Prosecco» riforma Igt europee condanna un vino storico della Croazia

«Prošek evoca Prosecco» riforma Igt europee condanna un vino storico della Croazia
La riforma delle Ig europee condannerebbe un vino storico della Croazia, il Prošek, nome ritenuto «evocativo del Prosecco». È quanto emerge oggi dalle parole di Paolo De Castro, relatore dell’Europarlamento per il nuovo regolamento Ue sui prodotti Dop e Igp. Nel commentare l’approvazione all’unanimità del testo in commissione Agricoltura, l’europarlamentare Pd ha citato proprio il vino dolce tipico della Dalmazia, tra gli esempi di «sfruttamento indebito della reputazione delle nostre Indicazioni geografiche».

«Il Parlamento europeo – evidenzia De Castro – continua a far evolvere un sistema senza eguali nel mondo, capace di generare valore senza bisogno di investire alcun fondo pubblico, rafforzando il ruolo dei consorzi, la protezione di Dop e Igp, e la trasparenza verso i consumatori». Ora l’iter prevede, prima dell’estate, la discussione in sede plenaria del Parlamento europeo e infine, entro l’anno, gli incontri del trilogo Parlamento, Commissione e Consiglio per approvare definitivamente il nuovo testo unico europeo sulle produzioni di qualità.

IL PROSEK NON PUÒ ESSERE REGISTRATO

Nel testo adottato – rivendica De Castro – abbiamo introdotto l’obbligo di indicare sull’etichetta di qualsiasi prodotto Dop e Igp il nome del produttore e, per i prodotti Igp, l’origine della materia prima principale. Non solo, su spinta dei nostri produttori di qualità, abbiamo potuto eliminare quelle falle del sistema che consentono di sfruttare indebitamente la reputazione delle nostre indicazioni geografiche, come nel caso dell’aceto balsamico sloveno e cipriota, o addirittura del Prosek made in Croazia».

«In particolare – continua De Castro – è stato chiarito come menzioni tradizionali come Prosek non possano essere registrate, in quanto identiche o evocative di nomi di Dop o Igp. I prodotti Dop e Igp beneficeranno di protezione ex-officio anche online. Nel caso in cui vengano utilizzati come ingredienti, sarà invece necessaria un’autorizzazione scritta da parte dei rispettivi consorzi di tutela, a beneficio dei quali proponiamo anche di semplificare le norme per la registrazione e la modifica dei disciplinari di produzione”.

IL NODO DELL’UFFICIO BREVETTI EUIPO

L’Europarlamento ha preso una posizione anche su uno dei punti più discussi del regolamento, e cioè il ruolo dell’Ufficio europeo dei brevetti, l’Euipo: «Con il testo adottato oggi, con cui andremo al negoziato con i ministri già prima dell’estate – dichiara De Castro – chiariamo che l’Euipo dovrà avere un ruolo puramente consultivo e su questioni tecniche, mentre l’interlocutore principale dei produttori resterà la Direzione Generale agricoltura della Commissione Ue, consolidando il legame tra i marchi della qualità europea e lo sviluppo delle aree rurali».

«La Dop Economy – conclude l’europarlamentare Paolo De Castro – vale, a livello europeo, quasi 80 miliardi di euro. Non si tratta più di una semplice questione culturale di qualche Stato membro, ma di un vero patrimonio economico, sociale e politico europeo. Con questo regolamento creeremo un vero testo unico europeo sulle produzioni di qualità, che rafforzerà la protezione, la promozione e la sostenibilità delle nostre Indicazioni geografiche, conosciute in tutto il modo come sinonimo di qualità ed eccellenza, grazie alla passione e alla competenza dei nostri agricoltori e produttori».

[visual-link-preview encoded=”eyJ0eXBlIjoiZXh0ZXJuYWwiLCJwb3N0IjowLCJwb3N0X2xhYmVsIjoiIiwidXJsIjoiaHR0cHM6Ly93d3cud2luZW1hZy5pdC9wcm9zZWstcHJvc2VjY28tbGEtY3JvYXppYS1hbHphLWxhLXZvY2UtYS1icnV4ZWxsZXMtcGFyb2xlLWRpLWZ1b2NvLXN1aS1wb2xpdGljaS1pdGFsaWFuaS8gIiwiaW1hZ2VfaWQiOi0xLCJpbWFnZV91cmwiOiJodHRwczovL3d3dy53aW5lbWFnLml0L3dwLWNvbnRlbnQvdXBsb2Fkcy8yMDIzLzAyL1Byb3Nlay1Qcm9zZWNjby1Dcm9hemlhLWFsemEtbGEtdm9jZS1hLUJydXhlbGxlcy1wYXJvbGUtZGktZnVvY28tc3VpLXBvbGl0aWNpLWl0YWxpYW5pLXRvbmluby1waWN1bGEuanBnIiwidGl0bGUiOiJQcm/FoWVrLVByb3NlY2NvLCBsYSBDcm9hemlhIGFsemEgbGEgdm9jZSBhIEJydXhlbGxlczogcGFyb2xlIGRpIGZ1b2NvIHN1aSBwb2xpdGljaSBpdGFsaWFuaSIsInN1bW1hcnkiOiJQcm/FoWVrLVByb3NlY2NvLCBsYSBDcm9hemlhIGFsemEgbGEgdm9jZSBhIEJydXhlbGxlczogcGFyb2xlIGRpIGZ1b2NvIHN1aSBwb2xpdGljaSBpdGFsaWFuaS4gSW50ZXJ2aXN0YSBlc2NsdXNpdmEgYSBUb25pbm8gUGljdWxhIiwidGVtcGxhdGUiOiJwcmV2aWV3LWRhdmlkZSJ9″]